Home » Attualità

Pubblicato il 29 aprile 2018, alle 18:31

La commemorazione per Mussolini tra saluti romani, canti partigiani e forze dell’ordine

La manifestazione si è svolta tra Dongo e Tremezzina.


Tremezzina duce aprile 2018 ed 7

La commemorazione davanti al cancello di Giulino (Foto Denti)

DONGO-TREMEZZINA – Saluti romani e canti partigiani, questa mattina – 29 aprile – a Dongo, e, nel mezzo, un ingente spiegamento di forze dell’orine, all’ormai consueta manifestazione dei nostalgici del duce in ricordo della sua fucilazione e di quella dei suoi gerarchi. Manifestazione che si è poi spostata a Mezzegra di Tremezzina, per la funzione religiosa in memoria di Mussolini e della Petacci, con sfilata di camicie nere e skinheads al luogo della fucilazione.

A Dongo. Questa mattina la piazza principale di Dongo si è svegliata così: con i mezzi blindati della polizia e un fitto cordone di agenti in assetto antisommossa a far da barriera tra due opposti schieramenti: da una parte, rivolte verso il lago, una cinquantina di camicie nere, ad omaggiare la memoria dei gerarchi ivi fucilati, con tanto di suono di tromba e corona abbandonata nelle acque del lago; dall’altra parte, davanti al municipio, i rappresentanti dell’Anpi con un lungo striscione recante “Dongo, luogo della memoria, dice no a razzismi e fascismi di ieri e di oggi”. In mezzo, un ampio spazio vuoto dominato dal monumento ai caduti e presidiato dalle forze dell’ordine che, facendo cordone, hanno evitato il contatto tra i due gruppi opposti, cosa che invece avvenne lo scorso anno quando si registrò qualche momento di tensione presto sedato.
La commemorazione, durata qualche minuto, si è conclusa con ripetuti saluti romani, immancabilmente contestati, dall’altro lato della piazza, dalle rappresentanze dell’Anpi che per tutto il tempo hanno intonato canti partigiani.

A Mezzegra di Tremezzina. Le camicie nere si sono spostate quindi a Mezzegra di Tremezzina, dove altri gruppi di nostalgici attendevano per partecipare alla funzione religiosa in suffragio di Benito Mussolini e Claretta Petacci, e al corteo finale fino al cancello di Villa Belmonte con cerimonia di chiusura e omaggio, con saluto romano, sul luogo della fucilazione. Qui, come di consueto, nessuna rappresentanza Anpi a contestare la manifestazione, che si è infine conclusa senza intoppi. Ingente, anche a Mezzegra, lo spiegamento di forze dell’ordine, distribuite un po’ ovunque, tra la parrocchiale e la località Giulino, a presidiare tutto lo svolgimento della manifestazione.

E. D.

 

Articoli correlati: Tante autorità a Dongo per le celebrazioni legate al 25 Aprile - Tremezzina: una nuova via e una piazza dedicate ai partigiani e i progetti futuri

 

 

Questo articolo è stato letto 1925 volte.
Tags:  

1 Commenti per questo articolo

  1. Francesco scrive:

    Vergognoso che lascino fare !
    Vergognoso che non intervenga ne lo Stato ne la Curia che non vede i saluti romani in chiesa.

    Vergognoso!
    L’apologia di fascismo è reato!

Commenta


RUBRICHE

Giornata Mondiale dell'Acqua. Presentato il dossier di Legambiente: Lombardia imbottiglia 3 miliardi di litri l’anno

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, con il dossier “Acque in bottiglia 2018 - Un'anomalia tutta italiana” Legambiente e la rivista Altreconomia tornano a denunciare il quadro nazionale sulle tariffe pagate alle Regioni italiane dalle società imbottigliatrici. Un giro d’affari stimato di 10 miliardi di euro, con guadagni enormi per aziende ...

continua

ANALISI COLDIRETTI. Povertà, 800mila lombardi in bilico: raddoppiate famiglie a rischio crack

Aumentano le famiglie a rischio crack in Lombardia. Negli ultimi sette anni sono raddoppiate quelle sotto la soglia di povertà relativa, passate da 112mila a più di 222mila. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti Lombardia su dati Istat in occasione della presentazione dell’ultimo rapporto della Caritas Ambrosiana. Oltre 800mila i ...

continua