L Auto Expert 2

Home » Attualità

Pubblicato il 10 febbraio 2018, alle 18:14

Inaugurata a Gravedona ed Uniti la nuova scuola media

Presenti alla cerimonia numerose autorità politiche.


Gravedona scuola Bongiasca ed

L’inaugurazione della scuola nuova (Foto Denti)

GRAVEDONA ED UNITI – È stata inaugurata questa mattina – 10 febbraio -, a Gravedona ed Uniti, la nuova scuola media, sede dell’Istituto Comprensivo di Gravedona. Numerose le autorità presenti alla cerimonia, tra le quali il sindaco di Gravedona ed Uniti Fiorenzo Bongiasca, la presidente della Provincia di Como Maria Rita Livio, il deputato Raffaello Vignali, segretario alla Presidenza della Camera, e il deputato Maurizio Lupi. 

La struttura e il trasferimento. All’inaugurazione hanno partecipato anche molti sindaci dell’Alto Lario, i rappresentanti scolastici e i circa 130 alunni che, tra pochi giorni, si trasferiranno nel nuovo edificio scolastico. La nuova scuola, infatti, già allestita con tutto l’arredamento necessario, è pronta ad accoglierli e il 15 febbraio avverrà il trasferimento definitivo nella nuova sede.
La struttura si compone di due edifici collegati tra loro: una porzione preesistente, completamente ristrutturata, e una porzione di nuova realizzazione. Insieme comprendono: sette aule didattiche, tre laboratori (artistico, informatica e scienze), un’aula di musica e una di lettura, oltre agli uffici di direzione didattica e amministrativi.

Bongiasca: “Un nuovo traguardo”. «Dopo il non facile lavoro che ha portato alla fusione degli ex comuni di Gravedona, Consiglio di Rumo e Germasino nel nuovo Comune di Gravedona ed Uniti – ha esordito il sindaco Bongiasca nel suo discorso -, siamo qui oggi a festeggiare un nuovo traguardo: l’edificio delle scuole medie».
«Il primo progetto di un nuovo edificio per le medie – ha continuato il sindaco – è nato con l’acquisto di tutto il complesso edilizio, terreni ed immobili, delle suore Canossiane. Acquisto che ha portato al progetto esecutivo, al cantiere e, oggi, all’inaugurazione. La nostra attenzione è ora focalizzata sulla costruzione di un altro edificio, quello delle scuole elementari, che comprenderà anche la nuova palestra e il cui cantiere è già in avanzata esecuzione».

I discorsi delle autorità. Dopo il sindaco di Gravedona ed Uniti, sul palco delle autorità si sono avvicendati gli altri rappresentanti politici presenti che, in pieno clima elettorale, non hanno mancato di intervenire con un proprio commento ed augurio per l’inizio delle attività della nuova struttura. A cominciare dalla presidente della Provincia di Como, Maria Rita Livio (PD), candidata alle prossime elezioni regionali, e proseguendo con i discorsi dei deputati Vignali e Lupi, entrambi esponenti del partito Noi Con l’Italia entro le cui fila si è candidato, sempre per le regionali, il sindaco Bongiasca.

Costi e contributi. Il nuovo complesso scolastico, il cui costo si aggira intorno ai 2,5 milioni di euro, è stato realizzato grazie a fondi comunali e contributi regionali, oltre ad un finanziamento del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (Miur)ottenuto attraverso la partecipazione ad un apposito bando riservato all’edilizia scolastica.

E. D.

 

 

 

Questo articolo è stato letto 2077 volte.
Tags:  

Commenta


RUBRICHE
Turismo: 39 milioni di presenze in Lombardia. Seconda regione per spesa stranieri a tavola

Turismo: 39 milioni di presenze in Lombardia. Seconda regione per spesa stranieri a tavola

Salgono a oltre 39 milioni le presenze turistiche in un anno in Lombardia, di cui il 39% dovute agli italiani e il 61% agli stranieri. E proprio sul fronte del turismo internazionale, la Lombardia è la seconda regione in Italia per la spesa media che ogni giorno i viaggiatori stranieri ...

continua

Giornata Mondiale dell'Acqua. Presentato il dossier di Legambiente: Lombardia imbottiglia 3 miliardi di litri l’anno

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, con il dossier “Acque in bottiglia 2018 - Un'anomalia tutta italiana” Legambiente e la rivista Altreconomia tornano a denunciare il quadro nazionale sulle tariffe pagate alle Regioni italiane dalle società imbottigliatrici. Un giro d’affari stimato di 10 miliardi di euro, con guadagni enormi per aziende ...

continua