Home » Attualità

Pubblicato il 10 agosto 2017, alle 20:54

Tremezzina: dopo la Greenway in arrivo la Bikeway

Un tracciato a mezza costa di 6 km tra Ossuccio e Tremezzo.


Bellagio Tremezzina lago Lario ed

Immagine d’archivio (Foto Denti)

TREMEZZINA – «Dopo la Greenway, è ora in arrivo la bikeway della Tremezzina», ad annunciarlo è il sindaco di Tremezzina, Mauro Guerra. Il progetto rientra nell’ambito del bando promosso da Regione Lombardia “Promozione del Cicloturismo in Lombardia”.

Costi e tempi di realizzazione. Dopo la presentazione ufficiale, avvenuta qualche settimana, fa del nuovo progetto di estensione e sviluppo della Greenway che da Griante condurrà fino ad Argegno collegando lago e valli in itinerari turistico culturali, ecco il nuovo annuncio che riguarda invece il cicloturismo.
«Il progetto, presentato lo scorso mese di gennaio dal Comune di Tremezzina e riguardante la ‘Realizzazione di un percorso cicloturistico di collegamento delle località di Ossuccio, Lenno, Mezzegra e Tremezzo’, è stato ufficialmente ammesso al finanziamento da parte di Regione Lombardia con un contributo di 46.752,33 euro su un investimento totale accettato di 93.504,65 euro», spiegano il sindaco Guerra e l’assessore allo Sport  e tempo libero Alessandro Bordoli.
«Si chiamerà “Ciclovia Tremezzina” o “Ciclovia delle Azalee” – continuano Guerra e Bordoli - ed è un progetto molto ambizioso per il Comune di Tremezzina, che vuole offrire un tracciato sostenibile per svolgere l’attività ciclistica lungo un percorso di mezza costa, lontano dalla Strada Statale Regina, ricco di tratti particolarmente interessanti per la suggestività delle vedute e la bellezza dei luoghi e dei borghi antichi attraversati».
I lavori da eseguire ammontano a 102.530 euro, per i quali è stato ottenuto da Regione Lombardia, a fronte del costo complessivo ammesso di 93.504,65 euro, la corresponsione del finanziamento previsto per le infrastrutturazioni dei percorsi ciclabili minori del Bando Cicloturismo pari a 46.752,33 euro.
Il bando di Regione Lombardia prevede che i progetti finanziati vengano realizzati entro 12 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.

Ciclismo e sicurezza. «Attualmente chi intende utilizzare la bicicletta sul lago trova una serie di difficoltà e di limitazioni – spiegano ancora Guerra e Bordoli -. L’assenza di percorsi segnati e comunque pensati per questa attività rappresenta una forte lacuna del nostro territorio, e vedere i ciclisti pedalare sulla Statale Regina procura forti preoccupazioni sia per i disagi viabilistici presenti sia soprattutto per i rischi che si corrono in termini di sicurezza. Grazie alla collaborazione di esperti ciclisti e tecnici abbiamo compiuto lo sforzo di ricercare un tracciato in grado di poter garantire una pedalata più tranquilla, salutare, ecologica e soprattutto il più sicura possibile. Al contempo, abbiamo lavorato per poter fornire una passeggiata pregevole dal punto di vista paesaggistico e naturalistico, strategica per raggiungere luoghi di alto valore turistico e artistico».

Il tracciato: 6 km da Ossuccio a Tremezzo. Si tratta di una bikeway della lunghezza complessiva di circa 6.310 m, percorribili in andata e ritorno pedalando su vie comunali esistenti, di diversa natura e consistenza, poste all’interno del territorio di Tremezzina che collegherà le quattro località principali di Ossuccio, Lenno, Mezzegra e Tremezzo. Lungo il tracciato si potranno attraversare borghi antichi altamente suggestivi e raggiungere luoghi di particolare interesse e bellezza, come il Sacro Monte di Ossuccio, il promontorio del Lavedo con la Villa Balbianello, il Parco Mayer, la vecchia torre medioevale di Rogaro.
Il percorso, che sarà indicato con segnaletica orizzontale e verticale, partirà dalla località Riposo ad Ossuccio, scenderà verso Lenno, risalirà a Mezzegra fino all’abitato di Bonzanigo, scenderà ancora a Tremezzo per poi risalire definitivamente a Rogaro, alla quota più alta di 338 m s.l.m. La via cicloturistica potrà essere presa da diversi punti, raggiungendo il tracciato in auto da tutte le località principali e sfruttando, per il carico e scarico delle biciclette, i parcheggi pubblici esistenti che lo lambiscono, distribuiti sul territorio. Inoltre, la Bikeway incontrerà la Greenway in località Mezzegra per poi seguirla fino all’inizio di Tremezzo.

In dotazione anche una ebike. «Nel quadro economico dell’intervento – precisa Guerra – abbiamo accantonato una somma iniziale per l’acquisto di una bicicletta tipo bike e ebike assistita quale dotazione minima a disposizione dell’utenza. Confidiamo ovviamente nella necessità di incrementare l’equipaggiamento in relazione al grado di utilizzo della pista ciclabile, che verrà da subito incentivato, pubblicizzato e monitorato. L’aumento della presenza delle nuove bike in dotazione potrebbe anche essere sponsorizzata o finanziata da parte degli operatori turistici locali. Coltiviamo la speranza – conclude Guerra – che questo primo progetto di ciclovia possa fare da apripista ad altrettanti itinerari cicloturistici, sportivi e culturali dei territori del Lago di Como da raccordare e allacciare insieme per dar vita, in un futuro che speriamo sia prossimo, ad un eco-sistema ciclabile funzionale».

 

Articoli correlati: Tremezzina: la Greenway asse del turismo tra lago e Valle Intelvi. Al via il progetto

 

 

Questo articolo è stato letto 722 volte.
Tags:  

Commenta

RUBRICHE

Pane De Maria: il panificio artigianale che utilizza farine pregiate

Non solo i consueti prodotti da forno, ma anche un’ampia scelta di pane, pizza e focacce prodotti artigianalmente utilizzando farine pregiate o Bio e una lunga lievitazione naturale, anche partendo da una pasta madre di produzione propria: è quanto si può trovare al Panificio De Maria di Domenico De Maria, ...

continua


RUBRICHE

AGRITURISMI. La Lombardia raddoppia: 1.600 aziende con 5mila addetti

Raddoppiati in dieci anni e puntano a quota 1.600 nel 2016, per un settore che fra titolari, famigliari e dipendenti offre lavoro a circa 5mila persone. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Lombardia sulla base degli ultimi dati Istat sugli agriturismi lombardi. Tra il 2014 e il 2015 sono ...

continua

AGRICOLTURA. Record per l’export dell’ortofrutta made in Italy. Prodotti lariani apprezzati anche dal mercato svizzero

Record nelle esportazioni di frutta e verdura made in Italy: mai così tanta sulle tavole straniere da almeno 25 anni. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al primo semestre del 2016. Per le province lariane di Como e Lecco la qualità del ...

continua