Tra gli sciroppi più noti, per i bambini, sono inclusi quelli della linea Grintuss. Ma quali sono gli ingredienti di questo sciroppo? In quali dosi bisogna somministrarli ai più piccoli?

Gli ingredienti

C’è da dire che nonostante gli ingredienti di questo sciroppo, specifico per la tosse, provengano in gran parte dall’agricoltura biologica, esso non va somministrato ai bambini al di sotto di un anno.

Nella sua composizione, secondo quanto riportato sulla confezione, ci sono:

  • il miele, che è risaputo un buon rimedio contro la tosse e il mal di gola;

  • un complesso molecolare, preparato con resine, polisaccaridi e flavonoidi estratti da Elicrisio, Piantaggine e Grindelia, piante adatte non solo per contrastare la tosse, ma anche asma, bronchiti e catarro;

  • acqua;

  • zucchero di canna;

  • gomma arabica e xanthan;

  • oli essenziali di limone, mirto ed arancio dolce, altre piante ottime contro la tosse;

  • aroma naturale di limone.

La posologia ed alcuni avverimenti

Questo sciroppo, per i bambini da uno a sei anni, deve essere assunto nelle dosi di cinque millilitri, ovvero un cucchiaino, mentre i bambini dai sei anni su possono assumerne dieci millilitri, da due alle quattro volte al giorno, ed è bene che l’ultima somministrazione sia prima di dormire. Lo sciroppo va agitato bene, prima di versarlo e si può misurare la dosa necessaria con il cucchiaino dosatore. Una volta data la dose il bambino, non ci si deve dimenticare di chiudere bene il flacone e lavare in maniera corretta il cucchiaino.

Lo sciroppo Grintuss non ha delle particolari controindicazioni, ma è bene non darlo al proprio figlio se quest’ultimo è affetto da allergie o ipersensibilità. Se non ci fossero dei miglioramenti dopo cinque giorni dal suo uso, è bene farsi consigliare dal medico. Come tutti i medicinali, lo si deve tenere fuori dalla portata dei bambini e fare attenzione alla data di scadenza.

Di Claudia