Attualità

Desiree Maldera: ecco chi è ed altre curiosità che la riguardano

Desiree Maldera è la figlia del calciatore Aldo Maldera, scomparso nel 2012, ed è nota per essere una modella e un’imprenditrice. Ma quando è nata? Qual’è la sua biografia? E’ diventata madre?

La sua biografia

Desiree Maldera è nata a Roma il 6 giugno del 1992, e inizia la sua carriera di modella nel 2014, dopo aver partecipato all’edizione di Miss Italia di quell’anno, come rappresentate per il Lazio.

Nel 2017, ha partecipato alla Temptation Island, nel ruolo di tentatrice, il che l’ha resa nato tanto da ricevere numerosi followers sul social Instragram, ed essere scelta dalla Fitvia come sponsor.

Per quanto riguarda la sue relazioni, nel 2014 sembrava uscire con un giocatore di poker, Dan Bilzerian, e nel 2017 ha iniziato un rapporto con Francesco Chiofalo, finita dopo Tempetation Island, durante la quale si erano conosciuto, rimanendo comunque amici.

La sua relazione con Valerio Rampezzotti, amministratore delegato del gruppo Sacma, sembra iniziata nel 2018, e sempre nel medesimo anno lei si trasferì a Milano da Fregene, per stare insieme a lui. Il 2 gennaio del 2019 sono diventati genitori di un bambino, Giancarlo, e il 19 dello stesso mese, i due si sposano. Nel giugno del medesimo anno la Maldera ha annunciato l’arrivo di un secondo figlio.

Alcune curiosità

La vita e la carriera della Maldera sono disponibili sulle stesse pagina social dell’ex modella, su Instagram e Facebook. Non mancano, di certo le curiosità, come l’altezza di Desiree (1,70 centimetri), e il suo essere disordinata, come lei stessa ha dichiarato.

Sempre sui social lei dichiara di aver sempre amato lo sport e che tiene alla cura del suo aspetto fisico, ricorrendo persino alla chirurgia plastica per il seno. Ha un tatuaggio a forma di ancora su un braccio, come mostrano alcune immagini che ha postato, ed è sempre sui social che posta anche pensieri affettuosi per il padre. Tra i suoi amici, sono inclusi la show girl Antonella Mosetti e il chirurgo Giacomo Urtis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *