L Auto Expert 2

Home » Politica

Pubblicato il 11 giugno 2018, alle 3:08

Elezioni comunali 2018: i risultati nei comuni della sponda occidentale

I sindaci eletti.


zzz-elezioni amministrative comunali

Immagine d’archivio

SPONDA OCCIDENTALE – Tante riconferme tra i risultati scaturiti dalle elezioni comunali di domenica 10 giugno che hanno interessato tredici comuni lariani. Ecco i sindaci eletti nei comuni che si affacciano sulla sponda occidentale del lago.

Carlazzo: Mazza. A Carlazzo è Piera Antonella Mazza, con la lista “Vivere Carlazzo”, ad aggiudicarsi la guida dall’amministrazione, con il 59,37% dei voti (7 seggi). Il candidato Alberto Grassi, con la lista “Uniti per Carlazzo”, si ferma al 40,62% (3 seggi).

Centro Valle Intelvi: Pozzi. Sarà Mario Pozzi il primo sindaco del nuovo Comune di Centro Valle Intelvi, nato il 1 gennaio 2018 dalla fusione degli ex comuni di Casasco d’Intelvi, Castiglione d’Intelvi e San Fedele Intelvi. Mario Pozzi, con la lista “In comune per il bene comune”, si aggiudica la fascia tricolore con il 73,66% dei voti (8 seggi), contro il candidato Mattia Prada, con la lista “Giovani Centro Valle Intelvi”, che si ferma al 26,33% (4 seggi).

Cernobbio: Monti. A Cernobbio si cambia: ad aggiudicarsi la guida del comune lariano è Matteo Monti con la lista civica “Cernobbio in testa”, che ottiene il 37,76% dei voti (8 seggi), superando la lista del sindaco uscente Paolo Furgoni, “Con noi per Cernobbio”, che si ferma al 28,87% (2 seggi). Si ferma al 20,38% la lista di Simona Saladini, “Diamoci una mano” (1 seggio) e al 12,98% la lista di Filippo Santoro, “Per Cernobbio” (1 seggio).

Laglio: Pozzi. Riconfermato a Laglio il sindaco uscente Roberto Pozzi, che con la lista “Insieme per Laglio” ottiene il 92,77% dei voti (7 seggi), contro la candidata Francesca Frigerio della lista “Forza Nuova” che si ferma al 7,22% (3 seggi).

Montemezzo: Spreafico. Riconfermato a Montemezzo, per il secondo mandato consecutivo, il sindaco uscente Gian Luigi Spreafico, che con la lista “Uniti per Montemezzo” ottiene il 67,64% dei voti (7 voti), contro il candidato Guido Spelzini, e la lista “Siamo Montemezzo”, che si ferma al 32,35% (3 seggi).

San Siro: Raveglia. Anche a San Siro viene riconfermato, per il secondo mandato consecutivo, il sindaco uscente Claudio Raveglia, con la lista “Libertà e partecipazione”, che ottiene il 93,47% dei voti (7 seggi). Si ferma invece al 6,52% la candidata Tatiana Lorenzini, con la lista “Energia e forza per San Siro” (3 seggi).

Sorico: non valida. Non elegge il proprio sindaco, invece, il Comune di Sorico, dove la bassa affluenza (ferma al 28,94%) risulta ampiamente al di sotto del quorum necessario nel caso di lista unica. Niente da fare, quindi, per il sindaco uscente Ivan Tamola, in corsa con la lista “Sorico domani”, che non ottiene il mandato. Il comune verrà guidato da un commissario fino alla prossima tornata elettorale.

 

 

Articoli correlati: Elezioni comunali 2018: affluenza in calo. Sindaco non eletto a Sorico - Elezioni: oggi si vota per sindaci e consigli comunali in tredici comuni comaschi - Elezioni 10 giugno: le liste e i candidati sindaci tra Centro e Alto Lario - Elezioni amministrative e intimidazioni: il caso di Sorico finisce al Tg1 - Elezioni amministrative: si vota il 10 giugno. I comuni alle urne sul Lario

 

 

Questo articolo è stato letto 1681 volte.

Commenta


RUBRICHE
Turismo: 39 milioni di presenze in Lombardia. Seconda regione per spesa stranieri a tavola

Turismo: 39 milioni di presenze in Lombardia. Seconda regione per spesa stranieri a tavola

Salgono a oltre 39 milioni le presenze turistiche in un anno in Lombardia, di cui il 39% dovute agli italiani e il 61% agli stranieri. E proprio sul fronte del turismo internazionale, la Lombardia è la seconda regione in Italia per la spesa media che ogni giorno i viaggiatori stranieri ...

continua

Giornata Mondiale dell'Acqua. Presentato il dossier di Legambiente: Lombardia imbottiglia 3 miliardi di litri l’anno

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, con il dossier “Acque in bottiglia 2018 - Un'anomalia tutta italiana” Legambiente e la rivista Altreconomia tornano a denunciare il quadro nazionale sulle tariffe pagate alle Regioni italiane dalle società imbottigliatrici. Un giro d’affari stimato di 10 miliardi di euro, con guadagni enormi per aziende ...

continua