Home » Attualità

Pubblicato il 21 marzo 2018, alle 21:17

Incendio abitazione a Carlazzo: catena di solidarietà per la famiglia rimasta senza casa

Raccolta fondi e materiale di prima necessità.


L'intervento dei vigili del fuoco (Foto Denti)

L’intervento dei vigili del fuoco (Foto Denti)

CARLAZZO – Catena di solidarietà a Carlazzo per la famiglia che ieri sera – 20 marzo – ha perso la propria casa a causa di un devastante incendio.

Il passaparola. È l’intera comunità che si mobilita in aiuto ai propri concittadini, e lo fa attraverso una raccolta fondi promossa con un fitto passaparola che, già dalle prime ore del mattino di oggi – 21 marzo -, è rimbalzato su gruppi WhatsApp, pagine Facebook, volantini, telefonate. Un appello condiviso anche dall’amministrazione comunale, dalla parrocchia e da alcuni esercizi pubblici del paese, che si sono messi a disposizione quali punti di raccolta per offerte di vario genere.

La raccolta. L’incendio infatti, come si legge su uno dei volantini che circolano in queste ore sui social, oltre a creare gravissimi danni all’abitazione, “ha privato la famiglia anche di tutti gli effetti personali (abiti, calzature, mobili, suppellettili, materiale scolastico, ecc.)”, per questo la comunità ha promosso la raccolta fondi, per provvedere alle prime necessità. Per la raccolta di offerte sono stai predisposti appositi contenitori presso l’ufficio anagrafe del Comune di Carlazzo e la chiesa parrocchiale.

Risposta immediata. «La risposta è stata immediata – afferma il vicesindaco Antonella Mazza -. In famiglia ci sono tre ragazzi e la gente ha pensato innanzitutto a loro, portando subito una gran quantità di vestiti e scarpe. Si è mobilitata immediatamente anche l’Associazione Genitori dell’Istituto Comprensivo di Porlezza che ha pensato a un contributo in denaro da utilizzarsi proprio per le specifiche necessità dei tre giovani. Intanto, oggi, un gruppo di volontari, provenienti anche dai paesi vicini, si è messo al lavoro per dare una mano nella rimozione dei calcinacci dall’appartamento devastato dal fuoco, mentre associazioni e gruppi stanno pensando di organizzare varie iniziative di solidarietà. Credo siano gesti che, oltre ad aiutare concretamente, possano essere anche d’incoraggiamento per ripartire».
Per informazioni sulla raccolta fondi o iniziative è possibile rivolgersi direttamente al Comune di Carlazzo.

E. D.

Articoli correlati: Tetto in fiamme a Carlazzo. A fuoco anche l’appartamento

 

 

Questo articolo è stato letto 2686 volte.
Tags:  

Commenta

RUBRICHE

PaneDeMaria: produzione artigianale con farine pregiate. Anche a domicilio e per eventi e ristorazione

Oltre ai consueti prodotti da forno, il Panificio De Maria Domenico di Mezzegra, a Tremezzina, propone una produzione artigianale e tradizionale di pane, pizza e focacce utilizzando farine pregiate a lunga lievitazione naturale, anche con l’utilizzo di propria Pasta Madre. Ogni giorno il Panificio De Maria produce diversi pani con cereali ...

continua

Due corsi gratuiti sulla manifattura digitale con Fondazione Enaip Lombardia

Nell’ambito del programma regionale Lombardia Plus, Fondazione Enaip Lombardia organizza due corsi gratuiti di specializzazione sulla manifattura digitale. I corsi sono rivolti a giovani disoccupati fino a 35 anni, residenti o domiciliati in Regione Lombardia. Sono entrambi corsi tecnico-professionali della durata di 400 ore, di cui 150 di tirocinio aziendale, e ...

continua


RUBRICHE

Giornata Mondiale dell'Acqua. Presentato il dossier di Legambiente: Lombardia imbottiglia 3 miliardi di litri l’anno

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, con il dossier “Acque in bottiglia 2018 - Un'anomalia tutta italiana” Legambiente e la rivista Altreconomia tornano a denunciare il quadro nazionale sulle tariffe pagate alle Regioni italiane dalle società imbottigliatrici. Un giro d’affari stimato di 10 miliardi di euro, con guadagni enormi per aziende ...

continua

ANALISI COLDIRETTI. Povertà, 800mila lombardi in bilico: raddoppiate famiglie a rischio crack

Aumentano le famiglie a rischio crack in Lombardia. Negli ultimi sette anni sono raddoppiate quelle sotto la soglia di povertà relativa, passate da 112mila a più di 222mila. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti Lombardia su dati Istat in occasione della presentazione dell’ultimo rapporto della Caritas Ambrosiana. Oltre 800mila i ...

continua