Brianza Motor Show

Home » Cultura / Eventi

Pubblicato il 08 febbraio 2018, alle 23:13

Tutto pronto per le due tradizionali sfilate del Carnevale di Schignano

Sabato e martedì grasso gli appuntamenti più attesi.


Carnevale Schignano 2016 ed

Immagine d’archivio (Foto Denti)

SCHIGNANO – Dopo l’anticipazione della sfilata dedicata ai bambini, andata in scena domenica scorsa, il Carnevale di Schignano si prepara a vivere i suoi momenti più emozionanti con le sfilate di sabato e martedì grasso.

Le due sfilate. Da settimane le tradizionali maschere dei Belli (Mascarun) e dei Brutti (Brut) si preparano per questi due appuntamenti attesisissmi, che ogni anno richiamano in Valle un folto pubblico.
Le due sfilate di sabato 10 e martedì 13 avranno inizio alle ore 14.30 dalla piazza principale del paese per poi avviarsi verso la frazione Auvrascio e ritorno. Al termine della sfilata finale, quella del martedì grasso, andranno in scena i tentativi di fuga del Carlisepp, il fantoccio che simboleggia il Carnevale e che verrà infine bruciato entro la mezzanotte, tra musiche e danze frenetiche.

Ecco il programma nel dettaglio.
Sabato 10 febbraio
: ore 14.15 ritrovo delle maschere tradizionali in piazza S. Giovanni a Occagno; ore 14.30 sfilata lungo le vie del paese fino alla frazione Auvrascio e ritorno; ore 19.00 cena tipica al centro civico polivalente e veglione in maschera con orchestra. Chiusura alle ore 3.00 del mattino.
Martedì 13 febbraio: ore 14.00, ritrovo delle maschere tradizionali in piazza san Giovanni a Occagno; ore
14.30 sfilata lungo le vie del paese fino alla frazione Auvrascio e ritorno; ore 16.00 fuga del Carlisep; ore 21.00 veglione con la Fughéta al Carpigo; ore 23.30 processione col “Zep” e rogo a mezzanotte in piazza S. Giovanni.

 

 

Questo articolo è stato letto 828 volte.
Tags:  

Commenta


RUBRICHE

ANALISI COLDIRETTI. Povertà, 800mila lombardi in bilico: raddoppiate famiglie a rischio crack

Aumentano le famiglie a rischio crack in Lombardia. Negli ultimi sette anni sono raddoppiate quelle sotto la soglia di povertà relativa, passate da 112mila a più di 222mila. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti Lombardia su dati Istat in occasione della presentazione dell’ultimo rapporto della Caritas Ambrosiana. Oltre 800mila i ...

continua