L Auto Expert 2

Home » Attualità

Pubblicato il 31 gennaio 2018, alle 15:49

Anche all’ospedale di Menaggio cani, gatti e conigli in visita ai degenti

I degenti nei presidi di Asst ValtLario potranno incontrare i loro animali d’affezione.


Ospedale menaggio solare ed

L’ospedale di Menaggio (Foto Denti)

MENAGGIO – Anche cani, gatti e conigli potranno avere accesso ai presidi ospedalieri della Valtellina e del Medio e Alto Lario, qualora il degente ne richieda la visita. Lo prevede Asst ValtLario, in linea con le indicazioni di Regione Lombardia che, prima in Italia, ha voluto offrire la possibilità alle persone ricoverate nelle proprie strutture di vedere l’animale d’affezione.

Ingresso negli spazi indicati. «La presenza accanto al paziente dell’animale d’affezione e la sua vicinanza in un momento di sofferenza può rappresentare un supporto al percorso di cura e alla guarigione», sottolinea Cristina Curioni, direttore facente funzioni dell’Unità organizzativa complessa Qualità e Risk Management.
Chiaramente bisogna attenersi ad alcune indicazioni, contenute nel Regolamento di Regione Lombardia e recepite da Asst ValtLario, che disciplinano l’accesso degli animali, condizionato allo stato di salute del paziente che ne richiede l’accesso.
Per questo, Asst ValtLario ha previsto gli spazi in cui è consentito l’accesso degli amici a quattro zampe: le aree comuni del piano o del padiglione in cui il richiedente la visita dell’animale è ricoverato (come, ad esempio, sale d’attesa e soggiorni), i locali del servizio accettazione e accoglienza e, ancora, le aree esterne all’ospedale, che comprendono il parco e gli altri spazi verdi della struttura ospedaliera.

Animali puliti e ben spazzolati. I cani potranno accedere se iscritti all’anagrafe canina e sarà necessario presentare il certificato veterinario che ne attesti la buona salute. Durante la visita, il cane dovrà essere condotto al guinzaglio ed essere dotato di museruola (che può essere tolta durante l’incontro con il degente) mentre il gatto o il coniglio dovranno essere tenuti nell’apposito trasportino e, se liberati, dovranno essere mantenuti al guinzaglio. Prima della visita, gli animali dovranno essere puliti e ben spazzolati.

La richiesta. Per richiedere l’accesso degli animali d’affezione presso le strutture sanitarie di Asst ValtLario, e precisamente gli ospedali di Chiavenna, Menaggio, Sondalo e Sondrio e il Presidio ospedaliero territoriale di Morbegno, è sufficiente compilare il modulo “richiesta accesso animali d’affezione” disponibile presso i reparti, presso gli Uffici Relazioni col Pubblico e scaricabile dal sito internet aziendale www.asst-val.it, nella sezione della home page “Accesso animali di affezione”. Il modulo andrà, poi, consegnato al personale di reparto che lo sottoporrà al medico perché valuti la possibilità di concedere la visita.

 

 

Questo articolo è stato letto 875 volte.
Tags:  

1 Commenti per questo articolo

  1. Marco scrive:

    Lodevole iniziativa

Commenta


RUBRICHE
Turismo: 39 milioni di presenze in Lombardia. Seconda regione per spesa stranieri a tavola

Turismo: 39 milioni di presenze in Lombardia. Seconda regione per spesa stranieri a tavola

Salgono a oltre 39 milioni le presenze turistiche in un anno in Lombardia, di cui il 39% dovute agli italiani e il 61% agli stranieri. E proprio sul fronte del turismo internazionale, la Lombardia è la seconda regione in Italia per la spesa media che ogni giorno i viaggiatori stranieri ...

continua

Giornata Mondiale dell'Acqua. Presentato il dossier di Legambiente: Lombardia imbottiglia 3 miliardi di litri l’anno

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, con il dossier “Acque in bottiglia 2018 - Un'anomalia tutta italiana” Legambiente e la rivista Altreconomia tornano a denunciare il quadro nazionale sulle tariffe pagate alle Regioni italiane dalle società imbottigliatrici. Un giro d’affari stimato di 10 miliardi di euro, con guadagni enormi per aziende ...

continua