L\\\'Auto Expert

Home » Attualità

Pubblicato il 08 novembre 2017, alle 16:40

Sulle strade provinciali torna l’obbligo delle dotazioni invernali per i veicoli

L’obbligo decorre dal 15 novembre 2017 fino al 15 aprile 2018.


neve strada ed

Immagine d’archivio (Foto Denti)

SPONDA OCCIDENTALE – Dal 15 novembre torna l’obbligo delle dotazioni invernali per i veicoli circolanti sulle strade provinciali del Comasco. La Provincia di Como ha infatti emesso l’ordinanza che obbliga gli utenti della strada a dotarsi di pneumatici invernali o catene.

Evitare blocchi stradali. “Premesso che durante il periodo invernale le precipitazioni nevose e i fenomeni di pioggia ghiacciata possono avere durata ed intensità tali da creare situazioni di pericolo per gli utenti e condizionare il regolare svolgimento del traffico”, si legge sull’ordinanza, e “considerato che in tali circostanze occorre evitare che i veicoli in difficoltà possano produrre blocchi della circolazione rendendo di conseguenza difficoltoso, se non impossibile, garantire l’espletamento del servizio di sgombero neve”, la Provincia ordina quanto segue.

I veicoli interessati. Devono essere muniti di pneumatici invernali, ovvero devono avere a bordo i mezzi antisdrucciolevoli idonei alla marcia su neve e ghiaccio, tutti i veicoli a motore, esclusi i ciclomotori a due ruote e i motocicli, che transiteranno sulla rete viaria provinciale dal 15 novembre al prossimo 15 aprile 2018.
Nel periodo di vigenza dell’obbligo, i ciclomotori a due ruote e i motocicli potranno circolare solo in assenza di neve o ghiaccio sulle strade e di fenomeni nevosi in atto.

Pneumatici e mezzi antisdrucciolevoli. Gli pneumatici invernali che possono essere impiegati sono quelli omologati secondo la Direttiva 92/23/CEE del Consiglio della Comunità Europea e successive modifiche, ovvero secondo il corrispondente regolamento UNECE, muniti del previsto marchio di omologazione.
I mezzi antisdrucciolevoli impiegati in alternativa agli pneumatici invernali sono quelli di cui al decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 10 maggio 2011-“Norme concernenti i dispositivi supplementari di aderenza per gli pneumatici degli autoveicoli di categoria M1,N1,O1 e O2”. Sono altresì ammessi quelli rispondenti alla ONORM V5119 per i veicoli delle categorie M, N e O superiori, così come è fatto salvo l’impiego dei dispositivi già in dotazione, purché rispondenti a quanto previsto dal decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 13 marzo 2002-“Norme concernenti le catene da neve destinate all’impiego su veicoli della categoria M1”.

Modalità di impiego. I dispositivi antisdrucciolevoli da tenere a bordo devono essere compatibili con gli pneumatici del veicolo su cui devono essere installati e, in caso di impiego, devono essere seguite le istruzioni di installazione fornite dai costruttori del veicolo e del dispositivo. I medesimi dovranno essere montati almeno sulle ruote degli assi motori.
Nel caso di impiego di pneumatici invernali sui veicoli delle categorie M1 e N1, se ne raccomanda l’installazione su tutte le ruote, al fine di conseguire condizioni uniformi di aderenza sul fondo stradale.
Nel caso di impiego di pneumatici chiodati, limitatamente alla marcia su ghiaccio, sui veicoli di categoria M1, N1 e O1, l’installazione deve riguardare tutte le ruote.

Sanzioni. Il personale addetto ai servizi di polizia stradale è incaricato di far rispettare l’ordinanza, la cui inosservanza comporterà l’applicazione delle relative sanzioni.

 

 

Questo articolo è stato letto 1274 volte.
Tags:  

Commenta


RUBRICHE

Giornata Mondiale dell'Acqua. Presentato il dossier di Legambiente: Lombardia imbottiglia 3 miliardi di litri l’anno

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, con il dossier “Acque in bottiglia 2018 - Un'anomalia tutta italiana” Legambiente e la rivista Altreconomia tornano a denunciare il quadro nazionale sulle tariffe pagate alle Regioni italiane dalle società imbottigliatrici. Un giro d’affari stimato di 10 miliardi di euro, con guadagni enormi per aziende ...

continua

ANALISI COLDIRETTI. Povertà, 800mila lombardi in bilico: raddoppiate famiglie a rischio crack

Aumentano le famiglie a rischio crack in Lombardia. Negli ultimi sette anni sono raddoppiate quelle sotto la soglia di povertà relativa, passate da 112mila a più di 222mila. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti Lombardia su dati Istat in occasione della presentazione dell’ultimo rapporto della Caritas Ambrosiana. Oltre 800mila i ...

continua