Home » Cronaca

Pubblicato il 29 settembre 2017, alle 19:58

Identificato il corpo ritrovato a San Siro: è dell’uomo scomparso da Plesio a maggio

Con l’identificazione si chiudono ufficialmente le ricerche.


Soccorso Alpino bosco ed

Immagine d’archivio (Foto Denti)

PLESIO–SAN SIRO – Sono state identificate le spoglie ritrovate a San Siro mercoledì scorso da un cacciatore: appartengono a Umberto Petazzi, l’uomo scomparso a maggio nei boschi sopra Plesio.

L’identificazione. I sospetti che potesse trattarsi proprio del pensionato di Plesio erano circolati fin dai primi momenti del ritrovamento, ma la conferma ufficiale è giunta soltanto oggi – 29 settembre –, in seguito ai risultati degli esami effettuati sul corpo, delle indagini condotte dai carabinieri della Compagnia di Menaggio e dal riconoscimento da parte dei parenti, avvenuto questo pomeriggio, di alcuni oggetti ritrovati insieme al corpo. Si chiudono così, dopo quattro mesi, le ricerche dell’uomo.

La scomparsa a maggio. Umberto Petazzi, di 84 anni d’età, era scomparso da Plesio, dove risiedeva, nella mattinata del 16 maggio scorso. Le ultime segnalazioni lo collocavano in una zona boschiva nei pressi della località montana di Ponte, diretto verso la frazione Breglia. Da qui, infatti, nel pomeriggio di quello stesso giorno, erano partite le ricerche, durate poi per una decina di giorni con una mobilitazione di uomini e mezzi che aveva coinvolto il Soccorso Alpino (CNSAS), i vigili del fuoco, il soccorso alpino della guardia di finanza e diverse unità cinofile; purtroppo, però, senza risultato.

Il ritrovamento. Il luogo del ritrovamento del corpo si trova, infatti, molto distante dall’area setacciata a maggio dai soccorritori: i Monti di Gallio, località Montuglio, a San Siro, non lontano dal confine con il territorio di Cremia; distante da Ponte circa 3,5 km in linea d’aria, che diventano molti di più, però, a terra, tra le profonde rientranze di valli e vallette e i continui saliscendi del terreno. L’ipotesi più probabile, in ogni caso, è che l’uomo abbia perso l’orientamento nei boschi sopra Breglia e che abbia poi continuato a camminare fino ai Monti di Gallio, dove è verosimilmente scivolato in corrispondenza di un versante scosceso.

 

Articoli correlati: San Siro: rinvenuto nei boschi il cadavere di un uomo - Ancora nessuna traccia dell’uomo scomparso nei boschi di Plesio - Mobilitazione a Plesio per un uomo disperso nei boschi. Ricerche in corso

 

 

Questo articolo è stato letto 2992 volte.

Commenta

RUBRICHE

Pane De Maria: il panificio artigianale che utilizza farine pregiate

Non solo i consueti prodotti da forno, ma anche un’ampia scelta di pane, pizza e focacce prodotti artigianalmente utilizzando farine pregiate o Bio e una lunga lievitazione naturale, anche partendo da una pasta madre di produzione propria: è quanto si può trovare al Panificio De Maria di Domenico De Maria, ...

continua


RUBRICHE

AGRITURISMI. La Lombardia raddoppia: 1.600 aziende con 5mila addetti

Raddoppiati in dieci anni e puntano a quota 1.600 nel 2016, per un settore che fra titolari, famigliari e dipendenti offre lavoro a circa 5mila persone. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Lombardia sulla base degli ultimi dati Istat sugli agriturismi lombardi. Tra il 2014 e il 2015 sono ...

continua

AGRICOLTURA. Record per l’export dell’ortofrutta made in Italy. Prodotti lariani apprezzati anche dal mercato svizzero

Record nelle esportazioni di frutta e verdura made in Italy: mai così tanta sulle tavole straniere da almeno 25 anni. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al primo semestre del 2016. Per le province lariane di Como e Lecco la qualità del ...

continua