Home » Cultura / Eventi

Pubblicato il 11 agosto 2017, alle 0:53

Al via il Tremezzina Music Festival: tra Napoli e i Balcani con un omaggio a Pino Daniele

Anteprima a Villa Carlotta con i DeLaGuasta Quartet, poi Ottavo Richter, Banda Osiris, Filippo Vignato, Sissoko&Salis.


Tremezzo Festival ed

Immagine d’archivio (Foto Denti)

TREMEZZINA – La Banda Osiris, il duo Sissoko&Salis, musica balcanica e un omaggio a Pino Daniele: arriva la sedicesima edizione del Tremezzina Music Festival, con un cartellone impreziosito da nomi importanti del panorama contemporaneo musicale e alcune novità.

L’anteprima in villa con i DeLaGuasta Quartet. «Il Tremezzina Music Festival propone quest’anno un’anteprima e quattro serate tematiche, muovendosi in ambiti artistici assai diversi tra loro», spiega il direttore artistico, Marco Zanotta.
Prima di raggiungere la sede consueta, il Parco Teresio Olivelli di Tremezzo dove si svolgeranno tutte le serate, la manifestazione sarà anticipata da un concerto a Villa Carlotta che, venerdì 11 agosto, risuonerà delle sonorità jazz e folk-rock del DeLaGuasta Quartet di Marco Pollini (flauto, sax e tromba), Flavio Minardo (chitarre e sitar), Stefano Gatti (basso elettrico) e Franco d’Auria (batteria e percussioni).

Prima serata: Ottavo Richter e Banda Osiris. L’apertura ufficiale sarà mercoledì 16 agosto con la “Notte bandita”, con gli Ottavo Richter di Raffaele Kohler (tromba), Luciano Macchia (trombone), Domenico Mamone (sax baritono), Ale Kape Sicardi (chitarra), Marco Xeres (basso) e Paolo Xeres (batteria) che apriranno la serata alle ore 21.00. A seguire (ore 22.30) si esibirà la Banda Osiris con il testo teatral-musicale le “Dolenti note”.

Seconda serata: Filippo Vignato trio e duo Sissoko-Salis. La serata consacrata al jazz sarà il 17 agosto. Il primo a salire sul palco sarà il trombonista Filippo Vignato, vincitore del Top Jazz 2016 come miglior nuovo talento, che si presenta con il suo trio internazionale (ore 21.00). Seguirà l’esibizione di Antonello Salis e Baba Sissoko, insieme per un concerto nel quale si fonderanno ritmi tradizionali afroamericani e improvvisazione jazz.

Terza serata: omaggio a Pino Daniele. “Napule è”, omaggio a Pino Daniele, sarà il tema della serata di venerdì 18 che si aprirà con la proiezione del film documentario “Pino Daniele – Il tempo resterà” di Giorgio Verdelli (ore 20.30), dedicato al grande cantautore scomparso nel 2015; seguirà il concerto del Neapolitan Power Ensemble, guidato da Tony Esposito (ore 22.30). Con lui suoneranno Antonio Onorato (chitarre), Joe Amoruso (pianoforte e tastiere), Angelo Farias (basso) e Mario De Paola (batteria).

Ultima serata: Nema Problema  e Babbutzi Orkestar. Infine, sabato 19 agosto, gran finale balcanico con due orchestre dall’energia esplosiva: nell’area del lounge bar Acqua Cheta, alle 19.30, i Nema Problema accompagneranno un ricco aperitivo, mentre dalle 22.00, sul palco centrale, la Babbutzi Orkestar, farà ballare il pubblico con le sue sonorità balcaniche ed elettroniche.
Tutti i concerti sono a ingresso libero e, in caso di maltempo, si svolgeranno nel vicino Teatro Olivelli. Informazioni e programma completo sul sito: www.tremezzinamusicfestival.it.

 

 

Questo articolo è stato letto 733 volte.
Tags:  

Commenta

RUBRICHE

Pane De Maria: il panificio artigianale che utilizza farine pregiate

Non solo i consueti prodotti da forno, ma anche un’ampia scelta di pane, pizza e focacce prodotti artigianalmente utilizzando farine pregiate o Bio e una lunga lievitazione naturale, anche partendo da una pasta madre di produzione propria: è quanto si può trovare al Panificio De Maria di Domenico De Maria, ...

continua


RUBRICHE

AGRITURISMI. La Lombardia raddoppia: 1.600 aziende con 5mila addetti

Raddoppiati in dieci anni e puntano a quota 1.600 nel 2016, per un settore che fra titolari, famigliari e dipendenti offre lavoro a circa 5mila persone. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Lombardia sulla base degli ultimi dati Istat sugli agriturismi lombardi. Tra il 2014 e il 2015 sono ...

continua

AGRICOLTURA. Record per l’export dell’ortofrutta made in Italy. Prodotti lariani apprezzati anche dal mercato svizzero

Record nelle esportazioni di frutta e verdura made in Italy: mai così tanta sulle tavole straniere da almeno 25 anni. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al primo semestre del 2016. Per le province lariane di Como e Lecco la qualità del ...

continua