Home » Attualità

Pubblicato il 16 giugno 2017, alle 18:50

Asst ValtLario: sette nuovi medici assunti con l’incentivo di Regione Lombardia

Banditi anche i concorsi per cinque direttori di Unità organizzativa complessa, fra cui quello per direttore dell’Area Territoriale Medio e Alto Lario.


SONDRIO – Sono stati assunti ieri – 15 giugno – i primi sette nuovi medici di Asst Valtellina e Alto Lario, due ginecologi e cinque radiologi, introdotti a tempo indeterminato con l’incentivo dei 15mila euro in tre anni messo a punto da Regione Lombardia per favorire il reclutamento del personale medico nella sanità di montagna. I nuovi medici presteranno servizio nelle strutture ospedaliere di Sondrio, Sondalo (SO) e Chiavenna (SO). Indetto ieri anche l’avviso pubblico per l’incarico di direttore dell’Area Territoriale Medio e Alto Lario.

L’incentivo della Regione. «Esprimo soddisfazione e riconoscenza a Regione Lombardia per l’incentivo introdotto – commenta Giusy Panizzoli, direttore generale di Asst ValtLario -, perché è anche grazie a questo nuovo meccanismo se i bandi hanno riscosso interesse in termini di partecipazione. Si trattava, peraltro, di assumere figure difficili da reclutare e, pure, centrali nella nostra organizzazione ospedaliera. Nei prossimi giorni altri medici, in particolare ortopedici ed anestesisti, verranno assunti con la medesima modalità».
«Con l’assunzione di questi medici, i primi sette per quanto riguarda Asst Valtellina e Alto Lario, – ha affermato l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera –, Regione Lombardia dimostra di aver trovato la risposta giusta ed efficace per risolvere il problema dovuto alla difficoltà di reclutamento di personale medico nell’area della montagna. Ad aprile abbiamo stanziato 200mila euro all’anno per incentivare le neo assunzioni attraverso un incentivo di 15mila euro, per tre anni, a tutto il personale assunto e destinato all’Ats della Montagna e alle Asst Valtellina e Alto Lario e Vallecamonica. La nostra previsione è di giungere al reclutamento totale di 54 figure professionali (5 all’Ats della Montagna-Area dirigenziale medica e veterinaria; 32 all’Asst della Valtellina e Alto Lario e 13 all’Asst della Vallecamonica), e, considerato questo primo risultato, siamo certi di poter raggiungere l’obiettivo».

Destinazioni dei nuovi medici. I due nuovi ginecologi verranno assegnati all’Unità organizzativa aziendale di Ostetricia e Ginecologia di Sondrio per poi ruotare sui tre reparti e punti nascita di Sondrio, Sondalo (SO) e Chiavenna (SO); mentre dei cinque radiologi stabilizzati, tre saranno destinati a Sondalo e due a Sondrio.

In arrivo anche nuovi direttori e primari. Di ieri è anche l’indizione di cinque avvisi pubblici per altrettanti incarichi di direttore di Unità organizzativa complessa. In particolare, per l’incarico quinquennale di direttore dell’Area Territoriale Medio e Alto Lario, di direttore dell’Area Territoriale Media Valtellina (entrambi ex Distretti), di direttore delle Unità organizzative complesse di Medicina Generale Sondalo, di Medicina Legale e di Pronto Soccorso aziendale.
L’attività di ricerca del personale di Asst ValtLario, nel frattempo, prosegue senza sosta. È di pochi giorni fa la selezione per l’incarico di primario di Ostetricia e Ginecologia, il 3 luglio si terrà la selezione dei candidati per il posto da primario di Urologia e, a breve la selezione per il primario di Anatomia Patologica, mentre sono scaduti oggi i termini per la presentazione delle candidature per gli incarichi di primario di Chirurgia Vascolare, Chirurgia Toracica, Pediatria e Otorinolaringoiatria, per un totale di ben dodici primari che verranno individuati nelle prossime settimane, all’esito della procedura attivata.

 

 

Questo articolo è stato letto 501 volte.

Commenta


RUBRICHE

AGRITURISMI. La Lombardia raddoppia: 1.600 aziende con 5mila addetti

Raddoppiati in dieci anni e puntano a quota 1.600 nel 2016, per un settore che fra titolari, famigliari e dipendenti offre lavoro a circa 5mila persone. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Lombardia sulla base degli ultimi dati Istat sugli agriturismi lombardi. Tra il 2014 e il 2015 sono ...

continua

AGRICOLTURA. Record per l’export dell’ortofrutta made in Italy. Prodotti lariani apprezzati anche dal mercato svizzero

Record nelle esportazioni di frutta e verdura made in Italy: mai così tanta sulle tavole straniere da almeno 25 anni. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al primo semestre del 2016. Per le province lariane di Como e Lecco la qualità del ...

continua