Home » Cultura / Eventi

Pubblicato il 13 giugno 2017, alle 1:17

Musica, paesaggio e bellezza: a Tremezzina il festival internazionale LacMus

L’evento, presentato a Milano, si svolgerà a Tremezzina dal 9 al 16 luglio 2017.


Bellagio Tremezzina lago Lario ed

Immagine d’archivio (Foto Denti)

TREMEZZINA – È stato presentato ieri mattina – 12 giugno –, allo Showroom di Fazioli Pianoforti di Milano, “LacMus, Festival Internazionale di Musica, Arti e Accademia”, che si terrà a Tremezzina dal 9 al 16 luglio 2017.

L’evento. L’evento è ideato e voluto da Louis Lortie, pianista franco-canadese di fama internazionale, e dal direttore d’orchestra Paolo Bressan, nato a Varese ma da sempre legato al Lago di Como per origini familiari. Il Festival si compone di una serie di concerti che si svolgeranno in sedi prestigiose del territorio, da Villa Balbianello a Villa Carlotta, fino alle chiese di S. Stefano a Lenno e del Sacro Monte di Ossuccio. Quattro concerti e un evento speciale: la Greenway musicale del Lario.
Altissima la qualità dell’offerta musicale, che porta a Tremezzina artisti di levatura internazionale, come il soprano Christiane Karg, i violinisti Augustin Dumay e Giuliano Carmignola, accanto alle nuove generazioni, cui LacMus dedica un’Accademia estiva: saranno ospiti i giovani musicisti della Cappella Musicale Regina Elisabetta del Belgio.

Tremezzina e la bellezza. «Vorrei esprimere i miei ringraziamenti, in particolare al lago di Como e alla Tremezzina, per aver portato la percezione della Bellezza nel mio cuore a livelli sempre più alti», afferma Louis Lortie, al quale fa eco Paolo Bressan, che da molti anni aveva l’idea di realizzare un Festival musicale sul Lago di Como: «Se, come scrive Dostoevskij nell’Idiota, “la Bellezza salverà il mondo”, la Tremezzina, quella magica striscia di terra tra acqua e cielo sul lago di Como, é il luogo ideale per aprire i nostri sensi alla Bellezza. LacMus Festival in Tremezzina: ascoltare la luce e vedere il suono».

Il programma. Il concerto di apertura, domenica 9 luglio alle 18.00, sarà una meditazione musicale nel Santuario della Madonna del Soccorso di Ossuccio. Il soprano bavarese Christiane Karg proporrà un itinerario nel mondo del Lied, affiancata dal violinista francese Augustin Dumay. Alla tastiera del pianoforte si alterneranno i due ideatori del Festival, Lortie e Bressan (ingresso libero).
Il secondo concerto,  giovedì 13 luglio alle 21.00, sarà incentrato sul tardo romanticismo e vedrà come location Villa Carlotta di Tremezzo. Qui Johannes Brahms soggiornò e qui risuoneranno – nel 120° anniversario della sua morte – le note del suo Quintetto per pianoforte e archi. Tra i protagonisti della serata ritroveremo Augustin Dumay e Louis Lortie.
I giovani artisti della Cappella Musicale Regina Elisabetta del Belgio saranno al centro del terzo concerto, venerdì 14 luglio alle 19.00, presso Villa del Balbianello a Lenno, in uno spumeggiante ed esplosivo Hommage à la France, nel giorno della festa nazionale che ricorda la presa della Bastiglia.
Un’estatica esperienza per i sensi sarà la Greenway musicale in programma sabato 15 luglio a partire dalle 17.00: un percorso tra ville, antiche strade romane e passeggiate a lago, intercalato da intermezzi musicali al chiaro di luna. Il suggestivo itinerario sonoro avrà inizio a Villa Balbiano di Ossuccio, per poi toccare la Casa d’arte Brenna-Tosatto, lo studio del pianista Louis Lortie, la scalinata a lago di Villa Monastero e terminare a Villa del Balbianello.
Il grande violinista italiano Giuliano Carmignola chiuderà il Festival domenica 16 luglio alle 19.00 presso il Grand Hotel di Tremezzo, insieme all’Accademia dell’Annunciata, con un programma interamente dedicato a Vivaldi.
Su un binario parallelo rispetto al cartellone dei concerti, da mercoledì 12 a sabato 15, si terranno le prove e l’Accademia, aperte al pubblico, presso la Biblioteca di Lenno.

Guerra:  “La fortuna di abitare qui”. «Abbiamo la fortuna di vivere in luoghi straordinari – commenta Mauro Guerra, sindaco di Tremezzina -, dove paesaggio, arte, storia, cultura, si intrecciano nel segno della bellezza. Per questo abbiamo anche la fortuna di abitare luoghi che da sempre attraggono i più grandi talenti artistici e sono fonte di ispirazione e creatività. LacMus è un’occasione per mettere a frutto tutta questa fortuna, per trasformarla in eventi artistici indimenticabili, in bellezza da vivere, in uno straordinario appuntamento annuale, in una comunità artistica che riconosca questa terra come sua e ne arricchisca la vita».

Informazioni. Per i concerti dal 13 al 16 luglio: ingresso € 30 – ridotto (residenti Comune di Tremezzina e studenti sotto i 26 anni): € 20; abbonamento per tutti i concerti: € 100 – ridotto (residenti Comune di Tremezzina e studenti sotto i 26 anni): € 70. Per informazioni: www.lacmusfestival.com; info@lacmusfestival.com. LacMus è organizzato dalla libera associazione culturale “Ars Aeterna”, con la collaborazione del Comune di Tremezzina.

 

 

Questo articolo è stato letto 812 volte.

Commenta

RUBRICHE

Alpha Rezisto: estrema resistenza alle macchie e facilità di pulizia

SIKKENS-AkzoNobel rafforza la sua leadership di mercato lanciando un nuovo e rivoluzionario prodotto per interni: ALPHA REZISTO, l’innovativa idropittura estremamente resistente alle macchie e facile da pulire. Grazie alla sua tecnologia scudo contro le macchie, schizzi di bibite, succhi di frutta, caffè, salse e segni indesiderati di matite e pennarelli ...

continua


RUBRICHE

AGRITURISMI. La Lombardia raddoppia: 1.600 aziende con 5mila addetti

Raddoppiati in dieci anni e puntano a quota 1.600 nel 2016, per un settore che fra titolari, famigliari e dipendenti offre lavoro a circa 5mila persone. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Lombardia sulla base degli ultimi dati Istat sugli agriturismi lombardi. Tra il 2014 e il 2015 sono ...

continua

AGRICOLTURA. Record per l’export dell’ortofrutta made in Italy. Prodotti lariani apprezzati anche dal mercato svizzero

Record nelle esportazioni di frutta e verdura made in Italy: mai così tanta sulle tavole straniere da almeno 25 anni. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al primo semestre del 2016. Per le province lariane di Como e Lecco la qualità del ...

continua