Home » Cultura / Eventi

Pubblicato il 13 aprile 2017, alle 16:42

Torna la Caccia al tesoro botanico nei giardini delle ville lariane

Appuntamento a Villa Carlotta, Villa Melzi, Villa Monastero, Villa del Grumello e nel Parco della Fondazione Minoprio.


zzz-caccia tesoro botanico Grandi Giardini Italiani 2016

Il logo della Caccia al tesoro botanico di Grandi Giardini Italiani

SPONDA OCCIDENTALE – Il lunedì di Pasquetta, 17 aprile, torna sul Lago di Como la Caccia al Tesoro Botanico  organizzata da Grandi Giardini Italiani. Appuntamento a Villa del Grumello di Como, Villa Carlotta di Tremezzina, ai Giardini di Villa Melzi d’Eril a Bellagio e al Parco della Fondazione Minoprio a Vertemate con Minoprio. Alla manifestazione partecipa anche, sulla sponda lecchese del Lario, Villa Monastero di Varenna.

La manifestazione. L’evento è dedicato alle famiglie e rivolto in particolar modo ai bambini in età scolare, dai 6 ai 12 anni, che potranno scoprire i tesori botanici custoditi nei giardini attraverso differenti attività pensate apposta per loro. Mentre i bambini saranno impegnati nella Caccia al Tesoro, ai genitori e ai fratellini più piccoli verranno proposte altre attività a tema green, alla scoperta dei giardini e della natura, tra isole, labirinti, laghetti, boschi, giochi d’acqua, sculture, vialetti e veri e propri musei all’aria aperta. Quest’anno la Caccia al Tesoro Botanico si terrà in 29 giardini appartenenti al network Grandi Giardini Italiani, dal Trentino Alto Adige al Lazio (www.grandigiardini.it).

Villa del Grumello. La Seicentesca Villa del Grumello si affaccia sul primo bacino del lago di Como ed è incastonata in un parco secolare di grande pregio naturalistico. La raffinatezza dei suoi ambienti e la vista incantevole ne fanno storicamente una delle residenze privilegiate sulle rive del Lario di noti casati – gli Odescalchi, poi i Giovio e dalla seconda metà dell’800 i Celesia – che vi ospitarono illustri personaggi tra cui Vincenzo Monti, Alessandro Volta e Ugo Foscolo. Il Parco del Grumello si articola secondo un disegno compositivo romantico, con sentieri panoramici, belvedere e diversi ambienti. Il Parco della Villa del Grumello è inoltre fulcro del Chilometro della Conoscenza, un percorso culturale e naturalistico che riunisce 17 ettari di parchi secolari tra Villa Olmo e Villa Sucota.
Qui la Caccia al tesoro botanico, dedicata ai bambini tra i 5 e gli 11 anni, si terrà alle ore 11.00 e al alle 15.00 (durata: un’ora e mezza circa), a cura dell’Associazione Villa del Grumello in collaborazione con l’Associazione Battito d’Ali e Scuola San Vincenzo. Per informazioni e iscrizioni (per i bambini fino ad esaurimento posti): info@villadelgrumello.it

Villa Carlotta. Villa Carlotta occupa una superficie di oltre 70mila metri quadrati. La costruzione fu iniziata intorno al 1690, nel 1795 la proprietà venne acquistata dall’imprenditore e collezionista Giambattista Sommariva, quindi – nel 1843 – dalla principessa Marianna di Nassau, che ne fece dono alla figlia Carlotta in occasione delle nozze con Giorgio di Sassonia-Meiningen. Il Sommaria fece della villa quello straordinario museo ancora oggi visitabile con opere di Canova, Hayez e Thorvaldsen. Il parco di Villa Carlotta è celeberrimo per la stupefacente fioritura primaverile dei rododendri e delle azalee in oltre 150 varietà.
L’appuntamento con la Caccia al tesoro botanico, per le famiglie, è alle ore 11.00, alle 14.00 o alle 15.30. La ricerca degli indizi porterà i visitatori alla scoperta dei segreti delle piante e degli animali che abitano il parco (adulti 10 euro; bambini 5 euro).

Giardini di Villa Melzi d’Eril. Francesco Melzi d’Eril, duca di Lodi,  amico personale di Napoleone, decise ai primi dell’Ottocento di realizzare la residenza estiva a Bellagio. Il maggiore fascino della proprietà risiede nello straordinario parco affacciato sul lago e negli espedienti adottati per dilatare otticamente lo spazio, in realtà angusto, tra l’incipiente collina (a sua volta parco monumentale) e lo specchio d’acqua.
L’appuntamento con la Caccia al tesoro botanico è alle 14.30: i bambini dai 6 ai 12 anni, sotto l’egida di esperte guide, si cimenteranno in prove di abilità pensate per loro, in una divertente caccia all’uovo, e impareranno a piantare e curare un seme di pisello odoroso. Nel frattempo i genitori potranno scoprire le meraviglie del parco accompagnati da un coinvolgente cicerone pronto a svelare tutti i segreti del luogo (intero 6,50 euro; bambini sotto i 12 anni gratuito).

Parco della Fondazione Minoprio. Con i suoi 60 ettari di verde il Parco della Fondazione Minoprio è una cornice suggestiva che vanta oltre trecento essenze arboree principali e circa 1.600 arbusti e alberi minori; un giardino botanico incastonato nell’incantevole zona che degrada verso il fiume Seveso; un frutteto di oltre 20 ettari con collezioni di ”frutti antichi”, oltre 100 varietà di piante da frutto maggiori e minori (meli, peri, peschi, susini…) e 30 di piccoli frutti (mirtilli, lamponi, ribes, more); una serra tropicale e una serra mediterranea che offrono spaccati di giardini di rara bellezza. Il parco ospita Villa Raimondi sede della scuola della Fondazione Minoprio, Scuola di Floro Orto Frutticoltura. Caccia al tesoro botanico dalle ore 10.00 alle 18.00 (adulti 6 euro; ridotto 4 euro).

Villa Monastero. Immersi in un contesto naturalistico primaverile tutto da scoprire, a Villa Monastero di Varenna le risposte della Caccia al Tesoro si celeranno tra le varie specie di piante e di fiori del giardino della villa, lungo i sentieri e in mezzo agli elementi architettonici e alle statue in pietra. L’attività è stata pensata per far conoscere anche ai più piccoli il ricco universo botanico e artistico del luogo, stimolando la curiosità e la fantasia attraverso il gioco e il divertimento. Caccia al tesoro botanico dalle ore 10.00 alle 18.00, per famiglie (ingresso 8 euro; bambini fino a 11 anni gratuito).

 

 

Questo articolo è stato letto 619 volte.

Commenta


RUBRICHE

AGRITURISMI. La Lombardia raddoppia: 1.600 aziende con 5mila addetti

Raddoppiati in dieci anni e puntano a quota 1.600 nel 2016, per un settore che fra titolari, famigliari e dipendenti offre lavoro a circa 5mila persone. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Lombardia sulla base degli ultimi dati Istat sugli agriturismi lombardi. Tra il 2014 e il 2015 sono ...

continua

AGRICOLTURA. Record per l’export dell’ortofrutta made in Italy. Prodotti lariani apprezzati anche dal mercato svizzero

Record nelle esportazioni di frutta e verdura made in Italy: mai così tanta sulle tavole straniere da almeno 25 anni. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al primo semestre del 2016. Per le province lariane di Como e Lecco la qualità del ...

continua