Home » Cronaca

Pubblicato il 11 aprile 2017, alle 0:22

Auto contro guard rail a Menaggio: a bordo tre giovani

L’incidente sulla rampa che scavalca la galleria.


incidente Menaggio rampa 2017

L’incidente a Menaggio

MENAGGIO – Auto sbanda e finisce contro un guard rail a Menaggio: tre giovani coinvolti nello schianto, verificatosi lungo la rampa che scavalca la galleria nei pressi della località Cà Bianca, sul confine con Griante.

L’incidente. L’incidente è avvenuto nella serata di lunedì 10 aprile, poco prima delle ore 20.00. L’auto, che viaggiava in direzione sud, ha sbandato sul tratto in discesa, forse a causa dell’asfalto bagnato dalla recente pioggia, e, carambolando, ha finito per sbattere lateralmente contro lo spigolo del muretto di un guard rail posto a lato strada, all’imbocco di un accesso privato.

I soccorsi. Al momento dello schianto a bordo dell’auto si trovavano tre giovani, uno di 19 anni e gli altri due di 17. In loro soccorso sono intervenute tre ambulanze e l’automedica. Due dei giovani, con ferite più gravi, sono stati trasferiti rispettivamente all’ospedale di Gravedona e all’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia. Sul posto anche la squadra dei vigili del fuoco di Menaggio e i carabinieri per gli accertamenti del caso.
Lo schianto si è verificato a poche ore di distanza da un altro sinistro che ha avuto luogo nel pomeriggio a Grandola ed Uniti.

E. D.

 

 

 

Questo articolo è stato letto 10834 volte.

6 Commenti per questo articolo

  1. andrea scrive:

    Visto che lì,il limite è dei 50 orari, ed a quella velocità il danno mi sembra esagerato più che le due gocce acqua forse è stato il piede destro pesante !

  2. aldo scrive:

    Ahahahhaha asfalto bagnato… Per le altre mille macchine passate invece ere asciutto… C’è da aver paura ad andare in giro altro che asfalto pericoloso

  3. Giulio scrive:

    Al posto di “preoccuparsi” della salute dei ragazzi, fate tesi su cosa può essere stato. La parte più triste è vede sotto un articolo dei genere con delle foto che fanno rabbrividire vedere gente che si fa le risate. Tutti sono capaci a puntare il dito, ma se fosse stato vostro figlio/a, vostro fratello o vostra moglie; cos’avreste detto? Avreste dato colpe a lui/lei? Io credo di no. Scommetto che neanche voi siate nati imparati, poi io magari sto parlando con Jessica Fletcher o con Sebastian Vettel, non lo so. So solo che siete delle persone tristi e vuote dentro. Se quei ragazzi adesso stanno bene (io non lo so) bisogna solo ringraziare il cielo e spero vedano questi commenti per rispondervi a tono (o forse anche per darvi ragione).Ps in quel puto ci sono stati più incidenti negli ultimi anni che altro, è una strada fatta male con un’asfalto che se bagnato sembra una pista di pattinaggio

  4. David scrive:

    Se non sapete le cose non parlate!

  5. la gang del bosco scrive:

    A 50 km/h in discesa contro lo spigolo di un muro si possono fare questi danni e anche di peggio! anche con velocità inferiori. Colpito laterlamente poi!

  6. andrea scrive:

    per Giulio ,certo la salute dei ragazzi è la priorità ,ma sapendo benissimo dove è il posto dell’incidente, con in leggera discesa ,ma è dopo un a curva a sx, la vedo così. Per “la gang del bosco” guarda che all’inizio rampa c’è un LIMITE 40 orari ,rigurdo i danni.il laterale dell’auto è molto debole, ma anche il piede fa la sua parte specie quando la strada è bagnata!

Commenta


RUBRICHE

Giornata Mondiale dell'Acqua. Presentato il dossier di Legambiente: Lombardia imbottiglia 3 miliardi di litri l’anno

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, con il dossier “Acque in bottiglia 2018 - Un'anomalia tutta italiana” Legambiente e la rivista Altreconomia tornano a denunciare il quadro nazionale sulle tariffe pagate alle Regioni italiane dalle società imbottigliatrici. Un giro d’affari stimato di 10 miliardi di euro, con guadagni enormi per aziende ...

continua

ANALISI COLDIRETTI. Povertà, 800mila lombardi in bilico: raddoppiate famiglie a rischio crack

Aumentano le famiglie a rischio crack in Lombardia. Negli ultimi sette anni sono raddoppiate quelle sotto la soglia di povertà relativa, passate da 112mila a più di 222mila. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti Lombardia su dati Istat in occasione della presentazione dell’ultimo rapporto della Caritas Ambrosiana. Oltre 800mila i ...

continua