Home » Attualità

Pubblicato il 17 gennaio 2014, alle 11:34

Ospedale Gravedona: Whity al Congresso Nazionale di Senologia

L’Unità di Senologia gravedonese presenterà al Congresso la sagoma per la prevenzione senologica.


zzz-Whity prevenzione tumore seno ospedale gravedona

La sagoma ‘Whity’, progetto prevenzione senologica

GRAVEDONA ED UNITI – Anche l’Unità di Senologia dell’Ospedale Moriggia-Pelascini di Gravedona parteciperà al Congresso Nazionale Attualità in Senologia di Firenze, l’appuntamento più importante per i senologi italiani.

Tre contributi scientifici. Al congresso, che si terrà dal 22 al 24 gennaio, l’Unità di Senologia gravedonese, diretta dal dr Giorgio Baratelli, parteciperà con tre contributi scientifici. Il primo, scritto in collaborazione con l’Unità di Senologia di Piacenza, diretta dal dr Giorgio Macellari, tratta una casistica relativa ai corpi estranei nella mammella di riscontro casuale.

‘Whity’ a Firenze. Il secondo contributo è la descrizione del  progetto “Whity”, una modalità  innovativa per promuovere la prevenzione senologica che utilizza in modo semplice i concetti della pubblicità interattiva che hanno dimostrato di possedere un’efficacia maggiore della pubblicità classica o passiva.
Dallo scorso ottobre “Whity” è esposta nell’atrio dell’Ospedale Moriggia-Pelascini di Gravedona per ricordare a tutti l’importanza della prevenzione senologica. Il progetto è stato realizzato con la collaborazione di Morena Canzani e Maricka Conti, Giovani Marmotte della Delegazione Alto Lario di Gravedona della Lilt, e Marco Dell’Orto, volontario per la medesima associazione.

zzz-Alessandra Coglitore Giorgio Baratelli

La d.ssa Alessandra Coglitore e il dr Giorgio Baratelli

Prevenzione senologica in gravidanza. Il terzo contributo è la descrizione del progetto “Prevenzione senologica in gravidanza”. Il progetto è stato suggerito dalla considerazione dell’aumento dell’incidenza del carcinoma mammario diagnosticato in gravidanza, dovuto sia all’aumento d’incidenza del carcinoma mammario nelle donne giovani, sia al posticipo della programmazione delle gravidanze. Si tratta di uno studio pilota che mira ad offrire a tutte le donne incinte la possibilità di eseguire una visita senologica con ecografia mammaria con una modalità semplice. Obiettivi del progetto sono: la diagnosi precoce del carcinoma mammario in gravidanza, la sensibilizzazione delle donne e degli operatori sanitari al problema del carcinoma mammario in gravidanza e la sensibilizzazione delle donne alla prevenzione senologica. A questo progetto, realizzato con il sostegno del gruppo Giovani Marmotte, ha contribuito in modo particolare la d.ssa Alessandra Coglitore, che nel frattempo, tra l’altro, è diventata mamma di una bellissima bambina.

(dr Giorgio Baratelli)

 

Articoli correlati: Tumore al seno: la voce dei parenti e una lettera dal Papa - A Gravedona arriva ‘Whity’ per la prevenzione senologica

 

 

Questo articolo è stato letto 1724 volte.

Commenta

RUBRICHE

Denti fissi subito: mito o realtà? Il carico immediato degli impianti

Tra le procedure innovative che hanno segnato un’importante passo in avanti qualitativo dei protocolli implantari originali, il carico  immediato si contraddistingue per la sua rilevanza  nelle applicazioni cliniche routinarie. L’evoluzione del  protocollo di carico immediato rappresenta l’esempio più significativo di come e quanto la terapia implantare negli ultimi anni si ...

continua


RUBRICHE

AGRICOLTURA. Coldiretti: lavoro in montagna dimezzato negli ultimi vent’anni

Nel giro di vent’anni le giornate di lavoro in agricoltura nelle montagne italiane si sono praticamente dimezzate, passando da 89 milioni a 47 milioni, con un crollo che ha costretto 320mila aziende agricole a chiudere i battenti, togliendo un’opportunità di reddito vitale a dipendenti e familiari che lavoravano all’interno delle ...

continua

STORIA E TERRITORIO. San Siro e l'antico tempio a lago

Un antico tempio a lago dedicato a un vescovo Santo, le cui fondamenta emergono dal lago solo al ritrarsi delle acque dopo lunghi periodi di siccità, eppur ancora così presente nella tradizione della comunità locale da aver dato il nome a un comune: ecco la testimonianza di un abitante del ...

continua

Lucie: dalla tradizione letteraria a Expo 2015, tra Palio e Trofei

Lucie: dalla tradizione letteraria a Expo 2015, tra Palio e Trofei

Quella che è oggi nota come ‘Lucia’, grazie all’eredità de I Promessi Sposi del Manzoni e al celebre brano dell’addio ai monti, oltre che a uno sceneggiato televisivo degli anni ‘60, era in origine nota come Batèl, una delle più antiche e caratteristiche imbarcazioni lariane, nata come barca da lavoro ...

continua